• Home
  • Silvidi, Pigliamosche & Balie

Balia dal collare

L’areale di riproduzione della Balia dal collare è l’Europa orientale. E’ una specie migratrice e compie come tutti i pigliamosche un viaggio lungo e pericoloso per raggiungere i quartieri di svernamento in Africa, ma quasi sempre a sud della linea dell’equatore. In Italia è specie rara per non dire rarissima. Molto vistoso è il piumaggio del maschio, bianco e nero sono i colori che lo contraddistinguono. Il colore bianco ricopre le parti inferiori, mentre il capo le ali e la coda sono di colore nero. E' presente anche una barratura alare bianca, ed una macchia bianca sulla fronte. Il collare bianco divide il nero del capo e del dorso e la distingue dalla balia nera. La femmina è molto meno colorata, il capo ed il dorso sono grigi, la coda è nera, come le remiganti e la zampe. La gola e le parti inferiori compreso il petto sono bianche.  Nidifica in cavità naturali, specialmente di alberi maturi, quindi la si può incontrare solo in vecchi boschi i di varie essenze. Il foro di entrata non ha particolare importanza, infatti ho visto nidi costruiti in cavità con fori di entrata molto piccoli, ma anche in cavità quasi a aperte. La sua alimentazione è composta da insetti che cattura come tutti i pigliamosche in volo, ma quando deve nutrire la prole, le imbeccate sono miste con piccoli bruchi. Il motivo della sua rarità in Italia è dovuta al fatto che i boschi di alberi maturi stanno scomparendo per lasciare il posto a boschi naturali ma non adatti ad ospitare le balie  e tanti altri animali dei boschi. In pianura non esistono, balie ma il fatto che si taglino i rari boschetti maturi, per essere rimpiazzati da gruppi di giovani alberi è la causa di abbandono da parte di tanti altri uccelli.

 Per l'utilizzo di queste foto dai un'occhiata ai termini di utilizzo.

Home Uccelli

Demo