Gipeto

Gipeto, Avvoltoio barbuto e Avvoltoio degli agnelli, questi i nomi dati a questo meraviglioso avvoltoio, anch’esso estinto in Italia per vari motivi ed ora reintrodotto con un soddisfacente successo. Questo grande avvoltoio misura circa 95-100 cm di lunghezza e può raggiungere i 7 Kg di peso, con un’apertura alare che può raggiungere 250-270  cm è come il Grifone un grande volatore e veleggiatore. Può vivere fino all’età di oltre vent’anni. Al contrario degli altri avvoltoi non ha la testa ed il collo calvi, anche perché non cibandosi in maniera così specifica di carogne come fanno gli altri della sua specie, non ha la necessità di avere un così lungo e nudo collo. La sua dieta è per la maggior parte composta di ossi di animali, quelli non molto grandi li ingoia interi posato a terra, quelli di grande dimensione vengono ingoiati dopo essere stati frantumati lasciandoli cadere da grandi altezze sulle rocce. Ingiustamente accusato di essere un predatore di greggi, è stato ingiustamente cacciato e sterminato. A volte si posa in mezzo alle greggi, ma non per predare gli agnelli, ma per cercare eventuali placente. In genere segue i gruppi dei grifoni perché sa che questi si cibano delle carogne lasciando gli ossi, che sono la base della sua alimentazione. L’aspetto è molto particolare, presenta ali e dorso neri  che sembrano gocciolate di chiaro mentre addome e collo sono di un bel colore fulvo chiaro con qualche screziatura di nero. Dall’occhio partono due strie nere che terminano con due baffi neri ai lati del forte becco, per questo è anche chiamato Avvoltoio barbuto, l’occhio ha iride molto chiara cerchiata di un anello di colore rosso vivo. I giovani sono quasi completamente scuri. Come l’Aquila reale è monogamo, una sola nidiata all’anno, la cova dura circa 53-55 giorni ed i piccoli lasciano jl nido dopo 120-130 giorni.

 

 

 

Home Uccelli

Demo