Nibbio reale

 Stupendo rapace lungo oltre 60 cm per un’apertura alare che può raggiungere i 160 cm.. Più chiaro nel piumaggio del “cugino” Nibbio bruno, il Nibbio reale è inconfondibile per la forma della coda, inequivocabilmente biforcuta, un fatto che permette a questo uccello di planare molto più facilmente e di essere molto agile nelle "manovre" aeree. Particolarmente ricco di tonalità cromatiche è il ventre, picchiettato di punti bruno-rossicci, mentre sotto le ali  è presente un’ampia area bianca. Simili nel piumaggio, maschio e femmina si distinguono per le dimensioni, la femmina è più grande. Un altro segno distintivo di questo rapace, anche se non molto osservabile, è il fatto che invece di costruirsi il nido sfratta altri rapaci.  Un tempo più presente sul territorio Italiano, é ora relegato in alcune zone impervie dell'Aspromonte e della Sicilia. Non gradisce la vicinanza umana. La popolazione di Nibbio reale presente sul territorio Italiano è sedentaria ed in inverno a questa, si aggiungono degli esemplari migranti dalle regioni più a Nord. Causa del suo declino, sempre l'uomo con caccia, veleni e strutture come le linee elettriche che ogni anno falcidiano una grande quantità di rapaci. 

Per l'utilizzo di queste foto dai un'occhiata ai termini di utilizzo.

Home Uccelli

Demo