Passero solitario

 Il passero solitario appartiene alla famiglia dei tordi, è lungo circa 20 centimetri, il maschio è inconfondibile grazie al colore  blu cobalto del corpo. Solo le ali si presentano di colore nero. durante la stagione riproduttiva il mantello che durante l'inverno era un poco più opaco diventa  blu brillante. La femmina ha una tonalità più opaca. Di carattere timido e riservato, ma all'arrivo della primavera si elettrizza e si da da fare per determinare il suo territorio  che presto sarà raggiunto da una femmina. E' solito sostare su posatoi posti in alto da dove osserva costantemente il territorio sottostante alla continua ricerca di prede. La sua dieta è molto varia ed è composta da insetti di ogni tipo come cavallette, locusta, ragni, grilli, lombrichi e perfino da lucertole, piccoli serpentelli, topi e anfibi. Ama territori che per la loro conformazione siano adatti ad ospitare in cavità più o meno profonde il nido, quindi lo si può incontrare in prossimità di cave di marmo e pietra o vecchi ruderi abbandonati non è però raro vederlo anche in aree antropizzate.